Italian Blog

Blog: Italian Blog

< Ritornare Alla

Libro di Jasher | La veridicità del Cepher Yashar

Autore: Pietro Nencioni / 9.4.2022

 

(Questo blog è stato aggiornato con le scritture della Millennium Edition את Cepher.)

Di recente, un amico dell'Eth Cepher ha scritto quanto segue:

Ciao, volevo contattarti per l'inclusione di Jasher nel testo di Cepher. Ci sono molti resoconti sul fatto che si tratti di un'opera di finzione e vorrei saperne di più sulla tua decisione di includerla nel Cepher. Uso il Cepher come parte dei miei studi e recentemente ho utilizzato Jasher come risorsa, ma vedo rapporti contrastanti sulla validità del testo. Grazie per il tuo tempo e spero di avere tue notizie.

Il Cepher Yashar è, credo, uno strumento di trebbiatura divino e siamo abbastanza soddisfatti della sua inclusione nel testo, poiché cattura i suoi detrattori nella loro logica.

Ci sono quelli che dichiarano in modo imprevisto che il libro è falso, sostenendo che il libro è stato in qualche modo decodificato, usando testi biblici che sembrano citarlo (e gli esempi sono riportati qui) come esattamente l'opposto - che lo scrittore (i) di Yashar in qualche modo ha citato il testo esistente della Bibbia e non il contrario.

Ebbene, questa stessa difficoltà sorge con tutto il Nuovo Testamento, non è vero? Il Nuovo Testamento è stato decodificato? Lascia che i detrattori forniscano una risposta.

Inoltre, le tradizioni di costruzione nel mondo degli Ivriym erano per tradizione orale (tutti gli studiosi hanno prontamente ammesso che la "legge orale" è stata trasmessa in questo modo tra le generazioni per secoli e secoli). Potrebbe essere stato questo il caso del Cepher Yashar? Alcuni studiosi ritengono che questa sia una possibilità.

Uno di quegli studiosi che riconoscevano l'antica origine del cepher, secondo M. M. Noah, era Yocephus, il quale aveva scritto riguardo al Cepher Yashar che "con questo libro si intendono certi registri custoditi apposta in un luogo sicuro, un resoconto di ciò che accadeva tra gli Ebrei di anno in anno, e chiamato "Jasher" o "Il Giusto", a causa della fedeltà degli annali".

Secondo Derick Coetzee, su Academia.edu, il Libro di Jasher ha in realtà un testo ebraico, chiamato Sefer HaYashar, che fu stampato per la prima volta a Napoli nel 1552, e da lì ha una storia tracciabile. [Una copia è disponibile per il download gratuito sul nostro sito Web tramite il collegamento sottostante]

https://www.cepher.net/Userfiles/Hebrew/Cepher-HaYashar_Hebrew.pdf

Prima di ciò, si sosteneva che il suo libro originale provenisse da un originale di Gerusalemme nel 70 d.C., dove un ufficiale romano di nome Sidrus avrebbe scoperto uno studioso Ebreo nascosto in una biblioteca nascosta che avrebbe dovuto distruggerlo come parte dell'incendio di Gerusalemme. Questi non lo permise; e secondo quanto riferito riportò lo studioso e tutti i libri al sicuro nelle sue proprietà a Hispalis (l'odierna Siviglia). Il manoscritto fu poi trasferito o venduto al collegio Ebraico di Cordova durante il periodo islamico (VIII secolo - 1492 d.C. [che terminò con l'espulsione degli Ebrei dalla Spagna alla proclamazione del Decreto dell'Alhambra]).

Un Rabbino veneziano, Leon Modena, denunciò il libro al momento della sua stampa perché la forma dell'Ebraico usata nel testo era simile a quella che si trova nello Zohar. Affermò che la storia orale del libro era solo una vana immaginazione. Naturalmente, si dovrebbe ricordare che anche i Rabbini denunciarono il Nuovo Testamento per le stesse identiche ragioni, e anche il Cepher Chanok (Enoch), Baruk (Baruch), 3 e 4 Ezdra (1 e 2 Esdra), Yahudith (Giuditta), Hadaccah (Aggiunte a Esther) e tutti gli scritti dei Maccabei trovati nella Septuaginta e nelle scritture canonizzate.

Questa versione Ebraica del 1625 fu poi tradotta da Moses Samuel in lingua inglese e pubblicata nel 1840 sotto la casa editrice e il nome di Mordecai Manuel Noah, ed è questo manoscritto che oggi è conosciuto come "il Libro di Jasher". Questo  è il testo sottostante  che si trova nell'Eth Cepher, tranne per il fatto che abbiamo rimosso tutti i commenti editoriali, compresi i commenti che erano stati aggiunti dai redattori napoletani, per fornire solo il testo.

Questo libro è nettamente diverso da un testo chiamato "Pseudo-Jasher" pubblicato nel 1751 da Jacob Ilive e il cui testo stesso rivela che si tratta di un falso. Questa edizione fu screditata e apparentemente dimenticata fino a quando un ordine di ricerca sulla metafisica New Age chiamato "Antico Ordine Mistico della Rosae Crucis" (anche "l'unico Ordine Rosacrociano universale") lo ristampa nel 1934. Da allora, solo questo ordine e la New Age Gnostica se ne sono persino preoccupati, poiché è pieno di opinioni antireligiose, come ad esempio: A'dam e Chuah (Eva) non hanno peccato; Elohiym non ha creato l'Universo ma si è formato lo stesso giorno degli Umani da processi evolutivi naturali; e Noach ha inventato solo la spedizione in nave. Jacob Ilive è stato condannato a tre anni di reclusione per aver commesso frode e per eresia, dopo aver scritto il libro e diversi opuscoli di accompagnamento.

Sappiamo che un Cepher Yashar è menzionato in due luoghi definiti nell'Antico Testamento:

Yahusha (Giosuè) 10:13
E il sole si fermò, e la luna rimase, finché il popolo non si fu vendicato dei suoi nemici. Non è scritto nel Cepher di Yashar? Così il sole si fermò in mezzo al cielo e si affrettò a non sorgere un giorno intero.

Il Cepher Yashar lo riporta così:

Yashar (Jasher) 88:63-64
E quando stavano per essere sconfitti, il giorno stava calando verso sera, e Yahusha disse agli occhi di tutto il popolo: Sole, stai fermo su Giv'on e luna nella valle di Ayalon, finché la nazione non si sarà vendicata sui suoi nemici. 64 E Yahuah diede ascolto alla voce di Yahusha, e il sole si fermò in mezzo ai cieli, e rimase fermo per trenta minuti, e anche la luna si fermò e si affrettò a non tramontare un giorno intero.

Shemu'el Sheniy (2 Samuele) 1:17-18
E Davide si lamentò con questo lamento su Sha'ul e su Yahunathan suo figlio: 18 (Inoltre ordinò loro di insegnare ai figli di Yahudah l'uso dell'arco: ecco, è scritto nel Cepher di Yashar).

Il Cepher Yashar lo riporta così:

Yashar (Jasher) 56:8-9
E Ya`aqov disse a Yahudah: So, figlio mio, che sei un uomo potente per i tuoi fratelli; regna su di loro e i tuoi figli regneranno sui loro figli per sempre. 9 Insegna solo ai tuoi figli l'arco e tutte le armi da guerra, perché combattano le battaglie del loro fratello che dominerà i suoi nemici.

Questo è simile ma non identico al testo che si trova in Yashar 56:8-9 che ha:

E Giacobbe disse a Giuda: Io so, figlio mio, che tu sei un uomo potente per i tuoi fratelli; regna su di loro, e i tuoi figli regneranno sui loro figli per sempre. 9 Insegna solo ai tuoi figli l'arco e tutte le armi da guerra, affinché combattano le battaglie del loro fratello che dominerà i suoi nemici.

ecco un antico midrash che fa riferimento al passaggio in Shemu'el Sheniy (2 Sam.) 1:18

Inoltre ordinò loro di insegnare ai figli di Yahudah l'uso dell'arco: ecco, è scritto nel Cepher di Yashar.

La Sefaria fornisce una trascrizione dell'antico midrash di Rashi, che fa affidamento sul midrash di Rav Yochonon ad Avoda Zarah. In questo midrash, abbiamo una designazione specifica che la lingua trovata nel moderno Cepher Yashar è ciò che era noto per essere lì al momento della sua scrittura. Ecco il midrash:

Rashi su 2 Samuele 1:18

"Ha detto: 'Insegna il tiro con l'arco Bnei Yehudah.' David disse: 'Ora che potrebbe essere caduto tra Yisroel, è necessario insegnare ai Bnei Yehudah come fare la guerra e come tirare con un arco'".

Ecco è scritto nel Seifer HaYoshor. Questo è scritto in Seifer Bereishis, che è il Seifer dei giusti [Rashi cita l'opinione di Rav Yochonon in Avoda Zarah, 25a] Avraham, Yitzchok e Yaakov. E dove [In Bereishis] viene accennato? 'La tua mano sarà sul collo dei tuoi nemici.' [Bere'shiyth 49:8] Che tipo di attacco è quando si mette la mano vicino alla fronte, [Quando tira indietro la corda del suo arco. Rashi in Avodah Zarah, scrive che l'arciere si mette la mano vicino agli occhi. È così che avvistano i loro bersagli] che è di fronte al suo collo? [Questa interpretazione legge il versetto in Bere'shiyth in modo diverso: 'la tua mano sarà sul tuo collo'. Vedi Marsho, Avodah Zarah, ibid.] Bisogna dire: questo è tiro con l'arco”.

https://www.sefaria.org/Rashi_on_II_Samuel.1.18.1?lang=bi&p2=Genesis.49&lang2=bi&aliyot2=0 (accesso 12 novembre 2018, 17:38).

Quindi, questo antico midrash dalle fonti talmudiche dà solido credito alla discussione secondo cui l'insegnamento dell'arco ai figli di Yahudah (Giuda) è stato trovato in un testo denominato Sefer HaYashar - il Cepher Yashar - indipendentemente dal fatto che fosse stato successivo o meno pubblicato da un Rabbino a Napoli.

Ma questi non sono gli unici indizi di validità (o ispirazione, se si sceglie quella forma di comprensione). Considera le parole di Pa'al in Timotheus Sheniy:

Timotheus Sheniy (2 Timoteo) 3:8
Ora, come Iannes e Iambres resistettero a Mosheh, così anche questi resistono alla Verità: uomini dalle menti corrotte, reprobi riguardo alla fede. [Grassetto aggiunto]

Il Cepher Yashar riporta:

Yashar (Jasher) 79:27
E quando se ne furono andati, Phar`oh mandò a chiamare Bil`am il mago e Iannes e Iambres i suoi figli, e tutti i maghi, prestigiatori e consiglieri che appartenevano al re, e tutti vennero e si sedettero davanti al re. [Grassetto aggiunto]

Per coloro che affermano che si tratta di un falso ricostruito dagli Yahudiym (Ebrei) che scrissero lo Zohar, c'è un piccolo problema qui. E la mia sfida sorge in questo luogo come segue:

Quale Yahudiy (Ebreo) in Spagna ricostruirebbe un libro per dare credito alle parole di Pa'al?

Da dove Pa'al ha preso i nomi Iannes e Iambres (Jannes e Jambres)? Li ha inventati Pa'al? Il suo lavoro è finto, falso e fasullo?

All'insaputa dei moderni commentatori di Yashar c'è un'ulteriore citazione di Yashar che si trova anche parola per parola nel Cepher del profeta Yechezq'el:

Yechezq'el (Ezechiele) 29:3
Parla e dì: Così dice Adonai Yahuah; Ecco, io sono contro di te, Phar`oh re di Mitsrayim, il grande drago che giace in mezzo ai suoi fiumi, che ha detto: Il mio fiume è mio, e l'ho fatto per me.

Il Cepher Yashar lo riporta così:

Yashar (Jasher) 79:51
E l'ira del re si accese alle loro parole, e disse loro: Ma chi tra tutti gli elohiym delle nazioni può fare questo? Il mio fiume è mio e l'ho creato per me stesso.

Se il Cepher Yashar è stato decodificato e semplicemente copiato dal testo, perché non copiare l'intero versetto? Perché solo il frammento? Perché non una discussione sul drago? Perché non l'uso del termine Phar`oh?

E non dimentichiamo di porre la domanda: come faceva Yechezq'el (Ezechiele) a sapere che questo era ciò che aveva detto Phar`oh? Su quale scrittura si basava Yechezq'el per affermare che il faraone aveva detto: "Il mio fiume è mio e l'ho fatto per me stesso?"

Per noi, una delle prove più straordinarie della vera ispirazione si trova nel seguente Tehillah (Salmo):

Tehilliym (Salmi) 81:5
Questo lo ordinò a Yahuceph per una testimonianza, quando uscì attraverso la terra di Mitsrayim: dove udii una lingua che non capivo.

Prima di andare oltre, diamo un'occhiata all'Ivriyt sottostante (questo versetto è numerato come 81:6 nel testo masoretico):

עֵדוּת בִּיהוֹסֵף שָׂמוֹ בְּצֵאתוֹ עַל־אֶרֶץ מִצְרָיִם שְׂפַת לֹא־יָדַעְתִּי אֶשְׁמָע׃

La parola che si trova qui è Yahuceph (בִּיהוֹסֵף) (tecnicamente b'Yahuceph con il prefisso "b" che significa "in"). Il nome Yoceph (Joseph) è scritto in tutto il testo di Ivriyt come (יוֹסֵף) (Strong's H3130); cioè, yod-vav-camek-pey finale. Eppure, in questo passaggio, il nome è scritto yod-hey-vav-camek- pey finale. Questa è una persona diversa da Yoceph? Nessuna delle altre Bibbie inglesi lo crede, poiché il nome Joseph è usato nelle seguenti traduzioni inglesi:

21st Century KJV

American Standard Version

Amplified Bible*

Amplified Bible, Classic Edition

BRG Bible

Christian Standard Bible

Common English Bible

Contemporary English Version

Darby Translation

Easy-to-read Version

Evangelical Heritage Version

English Standard Version

English Standard Version Anglicized

Expanded Bible

1599 Geneva Bible

God’s Word Translation

Holman Christian Standard Bible

International Children’s Bible

International Standard Version

Jubilee Bible 2000

King James Version (Benjamin Blaney ed.)

King James Version – Authorized Version

Lexham English Bible

The Message

Modern English Version

Names of God Bible

New American Bible (delineated as 81:6)

New American Standard Bible

New Century Version

New English Translation

New International Reader’s Version

New International Version

New King James Version

New Life Version

New Revised Standard Version

New Revised Standard Version, Anglicized Catholic Edition

Orthodox Jewish Bible

Revised Standard Version

Revised Standard Version, Catholic Edition

Tree of Life Version (delineated as 81:6)

The Voice

World English Bible

Wycliffe Bible

Young’s Literal Translation

* La Bibbia Amplificata ha la seguente nota:

Salmo 81:5 Curiosamente, in questo versetto il nome di Joseph (Giuseppe) ha una lettera in più, una "h". In un esempio di tradizione Rabbinica, gli antichi Rabbini dicevano [dove?] che poiché Giuseppe santificò il nome divino in privato (resistendo alla moglie di Potifar) meritò di ricevere una lettera del nome divino (Yahweh) aggiunta al suo. Un'altra spiegazione Rabbinica [No, non proprio. Si trova solo nel Cepher Yashar] è che quando Pharaoh (il Faraone) stava per elevare Giuseppe al potere, gli astrologi chiesero che Giuseppe parlasse le 70 lingue del mondo. L'angelo Gabriele venne ad insegnarglielo, ma Giuseppe non poté finché Gabriele non aggiunse al suo nome la lettera in più del nome divino. [Non la storia esatta.]

L'unico testo che riconosce la lettera "hey"(H) nella parola (diverso da Eth Cepher) è la Bibbia ebraica completa, che espone il testo come "Lo mise a testimonianza in Y'hosef quando uscì contro la terra di Egitto. Ho sentito una voce sconosciuta dire,” [delineato come 81:6].

Sembra che molti traduttori considerino l'"hey" (H) irrilevante, vero?

Il Cepher Yashar riporta quanto segue:

Yashar (Jasher) 49:13-14
E quella notte Yahuah mandò uno dei suoi angeli ministri, ed egli venne nel paese di Mitsrayim da Yoceph, e l'angelo di Yahuah si fermò sopra Yoceph, ed ecco Yoceph giaceva a letto di notte nella casa del suo adoniy nella prigione, poiché il suo adoniy lo aveva rimesso in prigione a causa della sua donna. 14 E l'angelo lo destò dal suo sonno, e Yoceph si alzò in piedi , ed ecco l'angelo di Yahuah era in piedi di fronte a lui; e l'angelo di Yahuah parlò con Yoceph, ed egli gli insegnò tutte le lingue dell'uomo in quella notte, e lo chiamò Yahuceph.

Ancora una volta, i detrattori del Cepher Yashar hanno due scelte a questo punto: 1) possono affermare che Acaph, lo scrittore del Salmo 81, abbia inventato l'ortografia e il nome interamente; oppure 2) ha appreso del nome da una fonte più antica. Se la risposta è che Acaph ha appreso il nome da una fonte più antica, lascia che i detrattori puntino su questo. Lascia che scoprano un testo diverso da questa particolare edizione di Yashar che contiene questo nome.

Altri commentatori hanno affermato quanto segue:

Si ritiene che il Libro di Jasher sia stato scoperto per la prima volta durante la Grande Rivolta Ebraica (a cui si è accennato in precedenza), in cui le forze Romane guidate da Tito distrussero il Tempio di Gerusalemme intorno al 70 d.C. Si credeva che il libro fosse stato portato via insieme ad altre spoglie Romane che alla fine si erano state portate in Spagna, dove gli Ebrei si erano già stabiliti attraverso il commercio sin dai tempi del re Salomone. Fu custodito per secoli nel Collegio Ebraico di Cordova e da lì fu trasportato a Venezia dove fu scoperto e stampato per la prima volta nel 1613. Poiché il Libro di Jasher non era noto ai primi teologi e studiosi, non fu mai preso in considerazione per l'ingresso negli elenchi canonici della Chiesa. In altre parole, i dirigenti della Chiesa non hanno avuto l'opportunità di fare dichiarazioni riguardo al fatto che pensassero o meno che fosse l'ispirata Parola di Dio. Di conseguenza, rimane escluso sia dagli elenchi canonici che apocrifi fino ad oggi.

È importante a questo punto discutere l'affermazione che Yashar sia un'opera "occulta". Ancora una volta, troviamo il Cepher Yashar che agisce come uno strumento di trebbiatura divino.

Yashar (Jasher) 42:30-35
E Yoceph raggiunse la tomba di sua madre, e Yoceph si affrettò e corse alla tomba di sua madre, e cadde sulla tomba e pianse. 31 E Yoceph gridò ad alta voce sulla tomba di sua madre, e disse: O madre mia, madre mia, o tu che mi hai partorito, svegliati ora, e alzati e vedi tuo figlio, come è stato venduto per uno schiavo, e non uno che lo compatisca. 32 O alzati e guarda tuo figlio, piangi con me per le mie afflizioni e guarda il cuore dei miei fratelli. 33 Destati madre mia, risvegliati, destati per me dal tuo sonno e dirigi le tue battaglie contro i miei fratelli. Oh come mi hanno spogliato della mia tunica, e già due volte mi hanno venduto per schiavo, e mi hanno separato da mio padre, e non c'è nessuno che abbia pietà di me. 34 Destati e schiera la tua causa contro di loro davanti a Elohiym, e guarda chi Elohiym giustificherà nel giudizio e chi condannerà. 35 Alzati, o madre mia, alzati, svegliati dal tuo sonno e guarda mio padre come la sua anima è con me oggi, e confortalo e allevia il suo cuore.

Ora Yoceph in quel momento aveva diciassette anni, secondo questo testo. I suoi fratelli avevano appena cercato di ucciderlo e lo avevano venduto come schiavo, il che lo avrebbe portato a rimanere in prigione per molti anni. Così gridò a sua madre.

È il paragrafo successivo, che offende molti, che sostengono essere offensivo che un tale testo sia collocato nelle Scritture, poiché sembra violare il mitsvoth trovato nel Pentateuco di Mosheh:

Devariym (Deuteronomio) 18:9-13
Quando sarai entrato nella terra che Yahuah Elohayka ti dà, non imparerai a fare secondo le abominazioni di quelle nazioni. 10 Non si trovi in mezzo a voi nessuno che faccia passare suo figlio o sua figlia per il fuoco, o che usi la divinazione, o che pratichi la stregoneria, o un incantatore, o una strega, 11 o un incantatore, o un consultore con spiriti familiari, o un mago, o un negromante. 12 Poiché tutti quelli che fanno queste cose sono un abominio per Yahuah; e a causa di questi abomini Yahuah Elohayka li scaccia davanti a te. 13 Sarai perfetto con Yahuah Elohayka.

Vayiqra (Levitico) 19:31
Non considerare coloro che hanno spiriti familiari, né cercano maghi, per essere contaminati da loro: io sono Yahuah Elohaykem.

Quindi, quando esaminiamo il prossimo passaggio in Yashar, sembra offendere questi mitsvoth:

Yashar (Jasher) 42:36-40
E Yoceph continuò a pronunciare queste parole, e Yoceph pianse ad alta voce e pianse amaramente sulla tomba di sua madre; e cessò di parlare, e per l'amarezza del cuore si fermò come una pietra sulla tomba. 37 E Yoceph udì una voce che gli parlava da sotto terra, che gli rispose con amarezza di cuore, e con voce di pianto e di preghiera con queste parole: 38 Figlio mio, figlio mio Yoceph, ho udito la voce del tuo pianto e la voce del tuo lamento; ho visto le tue lacrime; Conosco i tuoi guai, figlio mio, e mi addoloro per amor tuo, e al mio dolore si aggiunge abbondante dolore. 39 Ora dunque figlio mio, figlio mio Yoceph, spera in Yahuah, aspettalo e non temere, perché Yahuah è con te, ti libererà da ogni afflizione. 40 Alzati figlio mio, scendi a Mitsrayim con il tuo adoniym, e non temere, perché Yahuah è con te, figlio mio. E continuò a parlare a Yoceph come queste parole, e egli rimase immobile.

Ci sono due cose da considerare. In primo luogo, questo testo non insegna la dottrina, ma piuttosto recita una storia. Ci sono molte azioni dei patriarchi che violano il mitsvoth di Mosheh. Ad esempio, Avram sposa la sua sorellastra, Sarai (violando Vayiqra 18:9); Ya`aqov sposò una donna e sua sorella (violando Vayiqra 18:8); Salmah sposò Rachav la prostituta (violando Vayiqra 21:7); David commise un omicidio e un adulterio; Shalomah eresse idoli, e così via, e così via.

La Scrittura riporta che non ce ne sono di buoni, non uno. C'è un'aspettativa che Yoceph fosse senza peccato?

Parlare con spiriti familiari è stato trovato anche nella redazione non autorizzata delle scritture di 66 libri:

Shemu'el Ri'shon (1 Samuele) 28:7-14
Allora Sha'ul disse ai suoi servi: Cercatemi una donna che abbia uno spirito familiare, affinché io possa andare da lei e interrogarla. E i suoi servi gli dissero: Ecco, c'è una donna che ha uno spirito familiare a Eyn-Do'r. 8 E Sha'ul si travestì, indossò un altro vestito, e andò, e due uomini con lui, e vennero dalla donna di notte; ed essa disse: Ti prego, interroga lo spirito familiare, e portami su colui, את che io ti nominerò. 9 E la donna gli disse: «Ecco, tu sai che cosa ha fatto Sha'ul, come ha sterminato dal paese quelli che hanno spiriti familiari e i maghi; perciò tendi un laccio per la mia vita, per farmi morire? 10 E Sha'ul le fece sette giuramenti per Yahuah, dicendo: Per la vita di Yahuah, non ti accadrà alcuna punizione per questa cosa. 11 Allora la donna disse: Chi ti devo portare? E lui disse: Portami su Shemu'el. 12 E quando la donna vide Shemu'el, gridò a gran voce; e la donna parlò a El-Sha'ul, dicendo: Perché mi hai ingannato? Perché tu sei Sha'ul. 13 E il re le disse: Non temere, perché che cosa hai visto? E la donna disse a El-Sha'ul: Ho visto elohiym salire dalla terra. 14 Ed egli le disse: Di che forma è? E lei disse: Si avvicina un vecchio; ed è coperto da un mantello. E Sha'ul si accorse che era Shemu'el, e si chinò con la faccia a terra e si inchinò.

Ora vediamo qui che, a differenza di Sha'ul, Yoceph non cercava una persona che avesse uno spirito familiare, o che cercasse spiriti familiari; piuttosto, Yoceph stava gridando disperato sulla tomba di sua madre. C'è una differenza.

Tuttavia, alcuni detrattori hanno denunciato il Cepher Yashar perché si dice che Rachel gli abbia risposto. Vediamo qualcosa di simile in Shemu'el Ri'shon (1 Samuele)?

Shemu'el Ri'shon (1 Samuele) 28:15-19
E Shemu'el disse a El-Sha'ul: Perché mi hai inquietato, per portarmi su? E Sha'ul rispose: Sono molto angosciato; poiché i Pelishtiym mi fanno guerra, ed Elohiym si è allontanato da me e non mi risponde più, né per mezzo di profeti, né per sogno: perciò ti ho chiamato, affinché tu mi faccia conoscere ciò che devo fare. 16 Allora Shemu'el disse: Perché dunque mi chiedi, visto che Yahuah si è allontanato da te ed è diventato tuo nemico? 17 E Yahuah cosí gli ha fatto, come aveva detto per mezzo di me, perché Yahuah ha strappato il regno dalle tue mani e l'ha dato al tuo prossimo, proprio a Davide, 18 perché tu non hai obbedito alla voce di Yahuah, né hai eseguito la sua feroce ira su Amaleq, perciò Yahuah ti ha fatto questa cosa oggi. 19 Inoltre Yahuah consegnerà Yashar'el con te nelle mani dei Pelishtiym; e domani tu e i tuoi figli sarete con me; Yahuah consegnerà anche l'esercito di Yashar'el nelle mani dei Pelishtiym.

Sembra che sia ora che i detrattori tirino fuori quel temperino e taglino fuori 1 Samuele. Alcuni detrattori sono ispirati a bruciare libri con cui sono in disaccordo, o a strappare pagine e poi bruciarle. Hanno un amico nelle Scritture che ha fatto una cosa simile.

Yirmeyahu (Geremia) 36:20-23
E andarono dal re nel cortile, ma deposero il rotolo nella camera di Eliyshama, lo scriba, e riferirono את tutte le parole alle orecchie del re. 21 Allora il re mandò uno Yahudiy a prendere il rotolo e lo trasse fuori dalla camera dello scriba Eliyshama. E lo Yahudiy lo lesse alle orecchie del re e alle orecchie di tutti i principi che stavano accanto al re. 22 Il re sedeva nella casa d'inverno il nono mese, e c'era un fuoco nel focolare che ardeva davanti a lui. 23 E avvenne che, quando lo Yahudiy ebbe letto tre o quattro fogli, lo tagliò con il temperino e lo gettò nel fuoco che era nel focolare, finché tutto il rotolo fu consumato nel fuoco che era nel focolare .

Secondo, dobbiamo considerare a questo punto l'insegnamento del Mashiach.

Marqus (Marco) 12:18-27
Allora vennero da lui gli Tsadoqiym, che dicono che non c'è risurrezione; e gli chiesero, dicendo: 19 Rabbi, Mosheh ci scrisse: Se il fratello di un uomo muore, e lascia la sua donna dietro di sé, e non lascia figli, che suo fratello prenda la sua donna e susciti una discendenza a suo fratello. 20 Ora vi erano sette fratelli: e il primo prese una donna e morendo non lasciò seme. 21 E il secondo la prese e morì, senza lasciare alcun seme; e il terzo similmente. 22 E i sette l'hanno avuta e non hanno lasciato seme: infine è morta anche la donna. 23 Nella risurrezione dunque, quando risorgeranno, di chi di loro sarà la donna? Perché i sette l'avevano come propria donna. 24 E Yahusha, rispondendo, disse loro: Non sbagliate dunque voi, perché non conoscete le Scritture, né il potere di El? 25 Poiché quando risorgeranno dai morti, non si sposeranno né prenderanno in moglie; ma saranno come gli angeli che sono in cielo. 26 E come per i morti, che risuscitano: non avete letto nel cepher di Mosheh, come nel roveto את Elohiym gli parlò, dicendo: Io sono l'Elohiym di Avraham, e l'Elohiym di Yitschaq, e l'Elohiym di Ya`aqov? 27 Egli non è l'Elohiym dei morti, ma l'Elohiym dei vivi: dunque vi sbagliate molto.

Inoltre, sorge un altro problema per coloro che etichetterebbero il Cepher Yashar come un'opera occulta a causa del racconto di Yoceph sulla tomba di sua madre:

Luqas (Luca) 9:28-36
E avvenne che circa otto giorni dopo queste parole, prese Kepha, Yochanon e Ya`aqov, e salì su una montagna per pregare. 29 E mentre pregava, l'aspetto del suo volto era mutato, e il suo vestito era bianco e scintillante. 30 Ed ecco, parlarono con lui due uomini, che erano Mosheh ed Eliyahu: 31 che apparvero in gloria, e parlarono della sua morte che avrebbe dovuto compiere a Yerushalayim. 32 Ma Kepha e quelli che erano con lui si addormentarono; e quando furono svegli videro la sua gloria e i due uomini che stavano con lui. 33 E avvenne che, mentre si allontanavano da lui, Kepha disse a Yahusha: Rabbi, è bene per noi essere qui: e facciamo tre cukkoth; uno per te, uno per Mosheh e uno per Eliyahu: non sapendo cosa avesse detto. 34 Mentre parlava così, venne una nuvola e li avvolse nella sua ombra: ed entrarono nella nuvola con timore. 35 E venne una voce dalla nuvola, che disse: Questo è il mio yachiyd, l'Eletto: ascoltalo. 36 E quando la voce fu passata, Yahusha fu trovato solo. E lo tennero vicino e non raccontarono a nessuno in quei giorni nessuna di quelle cose che avevano visto.

Questa discussione non include alcuni dei bei passaggi trovati in Yashar, come la discussione tra Yitschaq e Yishma`el riguardo alle parole che sarebbero state considerate da Yahuah e la prova non solo di Avraham, ma anche la prova di Yitschaq. Non include la metafora con la madre lupa che è stata catturata dai fratelli di Yoceph per promuovere le loro bugie al padre [una metafora per la successiva nascita di Binyamiyn (Benjamin)], o la storia straziante della morte di Sarah.

Tuttavia, arriviamo ora alla conclusione:

Devariym (Deuteronomio) 4:2

Non aggiungerai alla parola che ti comando, né toglierai da essa, affinché tu possa custodire i comandamenti di Yahuah Elohaykem che ti comando.

Devariym (Deuteronomio) 12:32
את Qualunque cosa ti comando, guarda di farla: non la aggiungerai né la diminuirai.

Chazon (Apocalisse) 22:18-19
Poiché attesto a chiunque ascolta le parole della profezia di questo cepher: Se qualcuno aggiungerà a queste cose, Elohiym gli aggiungerà le piaghe che sono scritte in questo cepher: 19 E se qualcuno toglierà dalle parole del cepher di questa profezia, Elohiym toglierà la sua parte dal cepher della vita, e dalla città santa, e dalle cose che sono scritte in questo cepher.

Che i detrattori del Cepher Yashar giustifichino ora come mai proclamano 66 libri nella pubblica piazza come la Bibbia completa? Puoi stare certo che King James non ha autorizzato solo 66 libri. Né Giovanni Calvino nella sua Bibbia di Ginevra del 1560. Né lo fece la Chiesa cattolica quando canonizzò la Scrittura nel Concilio di Trento del 1256. Né i 72 interpreti della Settanta tradussero solo 39 libri dell'Antico Testamento. Né gli etiopi (che produssero la prima Bibbia al mondo) ridussero la parola a 66 libri.

Che ora i detrattori proclamino l'ispirazione divina, le credenziali teologiche e l'autorizzazione canonica di coloro che hanno deciso che dovrebbero esserci solo 66 libri.

Nel frattempo, il Cepher Yashar come strumento di trebbiatura continua il suo lavoro.

Dati gli editti che si trovano in Devariym (Deuteronomio) 4, con quale autorità leggiamo gli scritti di Yesha`yahu (Isaia)? Yirmeyahu (Geremia)? I Salmi? I Proverbi? Il Pentateuco Samaritano era il testo su cui facevano affidamento coloro che rifiutavano i Profeti e gli Scritti. Se ti stai aggrappando a questa teologia, avrai bisogno di un temperino affilato, poiché dovrai rimuovere anche il Besor'oth (Nuovo Testamento).

Data la richiesta che la Scrittura sia dimostrato essere la "parola ispirata di Dio", discutiamo ora il criterio su cui si è basata la Chiesa Cattolica per determinare ciò che sarebbe stato delineato dal diritto Romano (cioè un canone) come appropriato per l'inclusione sotto una sola copertina.

Un libro è ispirato se contiene la frase “così dice il SIGNORE”? Ci sono molti testi (tra cui Esther che è notoriamente laica) che sono privi di questa frase nella collezione di 66 libri; quindi questo non può essere un criterio.

Un libro è ispirato se contiene profezie? Ebbene, ciò eliminerebbe le epistole di Pietro, Giovanni, Giacomo e Giuda e tutte quelle di Paolo tranne due; quindi questo non può essere un criterio.

Un libro è ispirato se è stato originariamente trovato in Ivriyt (ebraico) dagli studiosi al tempo del Concilio di Jamnia? Beh forse. Ma ciò ignorerebbe completamente l'opera dei Settanta nella sua raccolta ed escluderebbe il libro di Daniele, poiché originariamente era scritto in Aramaico; quindi questo non può essere un criterio.

Un libro è ispirato se è qualcosa che si dice sia stato scritto dai Talmidiym (Apostoli)? Ebbene, cosa fare con il Vangelo di Luca (non un Talmidiy (Apostolo)), il libro degli Atti (questo libro non è solo "storico") e tutti i libri di Pa'al (Paolo) (che era un apostolo); quindi questo non può essere un criterio.

È un libro ispirato se si sostiene che sia stato scritto dai padri della chiesa "riconosciuti", cioè solo Giacomo, Giovanni, Pietro, Giuda, Matteo e Marco (con un'eccezione fatta per Paolo e Luca). In primo luogo, devi stabilire il criterio per essere un “padre” della Chiesa. Perché tralasciamo Barnaba? Iraneo? Clemente? Giustina Martire? Origene? Tertulliano? E, naturalmente, Apollo? Dovremo prima stabilire questo criterio, prima di poter discutere se la mera paternità dichiari o meno l'ispirazione divina. Per esempio, dove sono le Apocalissi di Pietro, Paolo e Giacomo? Queste esistono. Dove sono gli Atti di Pietro? Dov'è l'Epistola di Barnaba? Pertanto, anche questo non può essere un criterio.

Oppure, un libro è ispirato perché è stato identificato da qualcuno molto tempo fa come “ispirato” senza identificare i criteri in base ai quali è stata presa tale decisione?

È da notare che i seguaci del Giudaismo stanno ora negando i criteri in base ai quali ha agito il Consiglio di Jamnia e negano che il Consiglio di Jamnia fosse responsabile della redazione dei libri accettabili per il Giudaismo Talmudico.

È anche degno di nota che ci siano affermazioni secondo cui la Chiesa Cattolica era responsabile della redazione delle scritture a soli 66 libri; ma una tale affermazione sembra pretestuosa quando stanno attualmente pubblicando lo stesso canone identificato nel 1256.

Quando si afferma che i libri non dovrebbero essere inclusi nel "canone" (che è un termine improprio deleterio e un ossimoro poiché il Canone appartiene esclusivamente alla Chiesa Romana) perché sono meramente storici, 1 e 2 Samuele, 1 e 2 Re, 1 e 2 Cronache e il Libro degli Atti hanno la stessa designazione? Se è così, allora l'eliminazione dei libri in quanto meramente storici non sembra essere un criterio anche per la canonizzazione.

Tuttavia, i detrattori dell'inclusione dei testi trovati nell'Eth Cepher dovrebbero almeno essere in grado di fornire l'esatto processo con cui furono ridotte la KJV-AV del 1611 e la Bibbia di Ginevra del 1560, stabilendo editti, comandi, documenti, ordini , o canoni; le date di tali editti, comandi, documenti, ordini o canoni; e l'autorità di coloro che hanno preso tali decisioni. Inoltre, dovrebbe essere incluso anche il ragionamento alla base di tali decisioni, così come il curriculum delle persone coinvolte (in modo che possano essere confrontate con la KJV e gli interpreti di Ginevra).

Sorge una grande difficoltà per coloro che si affrettano a sostenere che non esiste un testo originale del Cepher Yashar che possa stabilirne l'autenticità prima della sua pubblicazione (in particolare, in Ebraico) in epoca moderna, poiché questi stessi detrattori non possono produrre un unico testo originale per uno qualsiasi dei manoscritti trovati nella Bibbia redatta di 66 libri, o nelle scritture canonizzate trovate nella KJV-AV del 1611, nella Ginevra del 1560 o nel Canone cattolico del 1256. Nessuno esiste.

Tutti i libri del Tanakh (ad eccezione di Esther) sono stati trovati nel 1948 (almeno in parte) nei Rotoli del Mar Morto situati nelle grotte di Qumran, e questi rotoli hanno prove sia intrinseche che estrinseche dell'esistenza precedente all'epoca moderna. Prima di questa scoperta, c'era ben poco da indicare prima del 3° secolo. È anche possibile dimostrare che non c'è stata corruzione tra il momento della creazione dei libri del Nuovo Testamento e il momento della loro copia? Si può stabilire definitivamente che il Nuovo Testamento sia stato scritto “originariamente” in greco? In aramaico? In ebraico? Il miglior resoconto, tra l'altro, e il primo record, privilegia l'Ebraico come lingua dei Vangeli.

Confronta con la collezione gnostica trovata a Nag Hammadi, dove è stata proposta una data di composizione del I o II secolo intorno all'80 d.C. o precedente per gli originali greci perduti del Vangelo di Tommaso, e i manoscritti sepolti risalgono al III e IV secolo.

Inoltre, per quanto tempo il Nuovo Testamento è esistito solo nella tradizione orale?

Il discernimento è richiesto nella raccolta dei testi da inserire sotto un'unica rilegatura. Noi del Cepher Publishing Group non ci siamo prefissati di creare una religione, o di raccogliere scritture che potremmo usare per scopi di controllo politico; abbiamo appena deciso di pubblicare un restauro completo delle sacre scritture in lingua inglese. Non abbiamo deciso di sostituire la tua Bibbia; né abbiamo identificato l'opera come una “Bibbia”; questo è discusso nella nostra prefazione e nei nostri materiali. Invece, abbiamo cercato di formare un lavoro il più accurato possibile.

Crediamo che ci sia stata un'ispirazione divina dietro tutte le nostre decisioni e il lavoro del Ruach Ha'Qodesh. Non significa che non abbiamo commesso errori o che abbiamo completato il nostro compito davanti al trono. Non lo abbiamo fatto; tuttavia, per quelli di voi che apprezzano l'Eth Cepher come parte del vostro studio, abbiate la certezza che il Cepher Yashar è un libro informativo, avvolto nella storia, con tutti gli indici di credibilità discussi sopra.

Suscríbete

RSS Suscríbete

Indirizzo E-mail

Chazon (Revelation) 1:8

I am the א (Aleph) and the ת (Tav), the beginning and the ending, says Yahuah Elohiym, which is, and which was, and which is to come, Yahuah Tseva’oth.

Read More

Baruch Sheniy (2 Baruch) 51:8-9

For they shall behold the world which is now invisible to them and they shall behold the time which is now hidden from them: And time shall no longer age them.

Read More

Ezra Reviy'iy (4 Ezra/2 Esdras) 2:35

Be ready to the reward of the Kingdom, for the everlasting light shall shine upon you forevermore.

Read More

Devariym (Deuteronomy) 11:26-28

Behold, I set before you this day a blessing and a curse; A blessing, if ye obey the commandments of Yahuah Elohaykem, which I command you this day: And a curse, if ye will not obey the commandments of Yahuah Elohaykem but turn aside out of the way which I command you this day, to go after other elohiym, which ye have not known.

Read More

Shemoth (Exodus) 20:11

For in six days Yahuah made the heavens and the earth, the sea, and all that in them is, and rested the seventh day: wherefore Yahuah blessed the day of Shabbath, and hallowed it.

Read More

Bere'shiyth (Genesis) 1:1

In the beginning Elohiym created את the heavens and אתthe earth.

Read More

Yesha'yahu (Isaiah) 14:12

How are you fallen from heaven, O Heylel, son of the howling morning! how are you cut down to the ground, which did weaken the nations!

Read More

Yirmeyahu (Jeremiah) 31:31

Behold, the days come, says Yahuah, that I will cut a Renewed Covenant with the house of Yashar’el, and with the house of Yahudah.

Read More

Besorah Yochanon (John) 1:1

In the beginning was the Word, and the Word was with את Elohiym, and Elohiym was the Word.

Read More

Besorah Yochanon (John) 3:16

For Elohiym so loved the world, that he gave his yachiyd, that whosoever believes in him should not perish, but have everlasting life.

Read More

Besorah Yochanon (John) 14:21

He that has my commandments, and guards them, he it is that loves me: and he that loves me shall be loved of my Father, and I will love him, and will manifest myself to him.

Read More

Vayiqra (Leviticus) 23:4

These are the feasts of Yahuah, even holy assemblies, which ye shall proclaim in their appointed times.

Read More

Besorah Mattithyahu (Matthew) 1:21

And she shall bring forth a son, and you shall call his name Yahusha: for he shall save his people from their sins.

Read More

Besorah Mattithyahu (Matthew) 6:11-12

Give us this day our daily bread. And forgive us our transgressions, as we forgive those who transgress against us.

Read More

Bemidbar (Numbers) 6:24-26

Yahuah bless you, and guard you: Yahuah make his face shine upon you, and be gracious unto you: Yahuah lift up his countenance upon you, and give you peace.

Read More

Philippiym (Philippians) 2:10-11

That at the name of Yahusha every knee should bow, of things in heaven, and things in earth, and things under the earth; And that every tongue should confess that Yahuah is Yahusha Ha’Mashiach, to the glory of Elohiym the Father.

Read More

Tehilliym (Psalms) 23:1-2

Yahuah is my Shepherd; I shall not want. He makes me to lie down in green pastures: he leads me beside the still waters.

Read More

Tehilliym (Psalms) 91:1-2

He who dwells in the secret place of El Elyon shall abide under the shadow of El Shaddai. I will say of Yahuah, He is my refuge and my fortress: my Elohiym; in him will I trust.

Read More

Chazon (Revelation) 13:18

Here is wisdom. Let him that has understanding calculate the number of the beast: for it is the number of a man; and his number is χξς .

Read More

Romaiym (Romans) 8:38-39

For I am persuaded, that neither death, nor life, nor angels, nor principalities, nor powers, nor things present, nor things to come, Nor height, nor depth, nor any other creature, shall be able to separate us from the love of Yah, which is in Yahusha Ha'Mashiach our Adonai.

Read More

Qorintiym Ri'shon (I Corinthians) 13:13

And now abides faith, hope, love, these three; but the greatest of these is love.

Read More

Makkabiym Reviy'iy (4 Maccabees) 9:7-9

Make the attempt, then, O tyrant; and if you put us to death for our faith, think not that you harm us by torturing us. For we through this ill treatment and endurance shall bear off the rewards of virtue. But you, for the wicked and despotic slaughter of us, shall, from the divine vengeance, endure eternal torture by fire.

Read More

Daniy'el (Daniel) 12:1

And at that time shall Miyka’el stand up, the great prince which stands for the children of your people: and there shall be a time of trouble, such as never was since there was a nation even to that same time: and at that time your people shall be delivered, everyone that shall be found written in the cepher.

Read More

Chanoch (Enoch) 105:14-15

A great destruction therefore shall come upon all the earth; a deluge, a great destruction shall take place in one year. This child, who is born to your son shall survive on the earth, and his three sons shall be saved with him. When all mankind who are on the earth shall die, he shall be safe.

Read More

Yo'el (Joel) 2:28

And it shall come to pass afterward, that I will pour out my Ruach upon all flesh; and your sons and your daughters shall prophesy, your old men shall dream dreams, your young men shall see visions.

Read More